Centro Medico

Visite specialistiche
segreteria@centromedicoponticello.it
0585 41847
LUN-VEN: 9-19

Centro Medico

Diagnostica
segreteria@diagnosticamassa.it
0585 41847
LUN-VEN: 8:30-19 | SAB: 8:30-13

Le patologie della tiroide: quali sono e come identificare la loro insorgenza

Immagine di copertina per le patologie della tiroide

Come visto in questo articolo, la tiroide è una ghiandola endocrina situata alla base del collo che produce 2 ormoni importanti per l’organismo: la triiodotironina (T3) e la tiroxina (T4), entrambi coinvolti nel metabolismo basale, ovvero l’energia minima necessaria all’organismo per svolgere le sue funzioni vitali.

una dottoressa esegue un'ecografia alla tiroide

Le patologie della tiroide

L’Ipertiroidismo e l’ipotiroidismo rappresentano le più comuni patologie tiroidee: la prima caratterizzata, nella maggior parte dei casi, da un’iperfunzione tiroidea e quindi un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei; la seconda caratterizzata da una ridotta funzione tiroidea e quindi una ridotta produzione di ormoni tiroidei.

Nelle aree geografiche a sufficiente apporto iodico la prima causa di ipotiroidismo primario è la tiroidite cronica autoimmune (o detta anche tiroidite linfocitaria o nota anche come tiroidite di Hashimoto, che prende il nome da colui che la descrisse la prima volta nel 1912). Colpisce preferenzialmente il sesso femminile con un rapporto di 5:1 rispetto al sesso maschile. La tiroidite cronica autoimmune clinicamente è caratterizzata dalla positività degli autoanticorpi circolanti anti-tireoperossidasi (anti-TPO) e anti-tireoglobulina (anti-TG) e da un aspetto ecografico tiroideo caratteristico.

Il Morbo di Basedow è una forma di ipertiroidismo ovvero una condizione caratterizzata da un aumento dell’attività secretoria di iodotironine da parte della tiroide.

La malattia di Graves-Basedow è una sindrome caratterizzata da ipertiroidismo e gozzo, talora da oftalmopatia (Oftalmopatia Basedowiana) e raramente da dermopatia (mixedema pretibiale).

Dal punto di vista epidemiologico la prevalenza è stimata intorno all’1.85%. La patologia rende conto del 60-80% di tutti gli ipertiroidismi, con una frequenza nettamente superiore nel sesso femminile ed un picco di incidenza compreso tra i 40 e i 60 anni.

La malattia di Graves è causata dalla presenza di autoanticorpi stimolanti il recettore del TSH (TRAb) che, attivando il recettore, determinano un aumento della sintesi e della secrezione degli ormoni tiroidei e causano pertanto l’insorgenza del gozzo diffuso. La malattia è caratterizzata da nervosismo, irritabilità, insonnia, ipercinesia, tremori, palpitazioni, dispnea da sforzo, fasi di depressione e astenia, dimagrimento, polifagia, alterazioni del ciclo mestruale, diarrea. la ghiandola è caratterizzata dal gozzo diffuso determinato dal processo iperplastico. Si presenta di consistenza parenchimatosa e uniforme.

Anche se meno frequenti, esistono altre forme di tiroiditi come la tiroidite di De Quervain (a verosimile origine virale), la tiroidite post-partum che insorge subito dopo aver partorito ed è generalmente temporanea, la tiroidite acuta (a verosimile origine batterica), la tiroidite fibrosa di Riedel.

Tra le patologie endocrine più frequenti troviamo il nodulo della tiroide, singolo o multiplo, più frequentemente benigno. La prevalenza del nodulo della tiroide aumenta con l’avanzare dell’età. Sono più frequenti nel sesso femminile, nelle aree a carenza di iodio e nei soggetti sottoposti ad irradiazione tiroidea. I noduli della tiroide sono nella stragrande maggioranza dei casi asintomatici.

I tumori della tiroide costituiscono circa il 5% di tutti i noduli tiroidei e comprendono il carcinoma papillare, il carcinoma follicolare, il carcinoma midollare e il carcinoma anaplastico della tiroide.

foto di un uomo che si tocca il collo

I sintomi legati a patologie della tiroide

A seconda della patologia tiroidea di cui si soffre, la sintomatologia può essere vaga o insorgere in modo tardivo come nel caso dei noduli tiroidei.

Fra i più comuni sintomi vi sono:

  • stanchezza
  • irritabilità
  • depressione
  • insonnia
  • difficoltà a concentrarsi
  • deficit della memoria
  • aumento della frequenza cardiaca
  • alti livelli di colesterolo nel sangue
  • alterazioni del ciclo mestruale
  • intolleranza al calore o al freddo
  • aumento o perdita di peso
  • difficoltà a deglutire
  • ingrossamento della tiroide
  • stipsi
  • pelle secca
  • fragilità di unghie e capelli

Gli esami diagnostici per identificare queste patologie

Un adeguato esame obiettivo della tiroide da parte del medico specialista endocrinologo è utile per riscontrare eventuali anomalie e ingrossamenti della ghiandola o la presenza di noduli.

Ulteriori indagini diagnostiche sono:

  • analisi del sangue
  • ecografia
  • ecocolor-Doppler
  • scintigrafia
  • agoaspirato

Mentre le analisi del sangue forniscono un’indicazione sulla concentrazione degli ormoni tiroidei in circolo nell’organismo, ecografia ed ecocolor-Doppler costituiscono un’analisi dettagliata morfologica e funzionale dell’organo compresa la sua vascolarizzazione.

L’agoaspirato, in particolare, fornisce un dato sulla tipologia del tessuto tiroideo analizzato al fine di rivelare la natura di eventuali neoplasie o porre il sospetto di esse.

Le terapie

La terapia varia a seconda della patologia.

Si può ricorrere a:

  • utilizzo di antitiroidei di sintesi per ridurre l’attività tiroidea;
  • intervento chirurgico (tiroidectomia) per l’asportazione totale o parziale della tiroide;
  • terapia radiometabolica che utilizza lo iodio radioattivo per distruggere in modo selettivo le cellule tiroidee anomale;
  • terapia “sostitutiva” mediante l’uso di ormone sintetico (levotiroxina) che sostituisce la tiroide malfunzionante.
Dott.ssa Carlotta Giani

a cura di

Dott.ssa Carlotta Giani

Endocrinologa presso Centro Medico Ponticello

Condividi:
Facebook
Twitter
LinkedIn

Centro Medico Ponticello è il più grande centro specialistico dell’Alta Toscana dedicato alla prevenzione, alla riabilitazione e alla salute di tutta la famiglia. 

>> leggi di più

Il suo Blocco Diagnostico è un istituto di ricerche cliniche e diagnostiche a servizio dei pazienti che ricercano efficienza, professionalità, velocità di servizio.

>> leggi di più

Ultimi articoli
Categorie

Vuoi leggere più articoli come questo?
Iscrivi alla nostra newsletter!

Puoi cancellarti in qualunque momento

    Leggi anche

    Patologie cardiovascolari
    Ponticello Informa

    L’incidenza delle patologie cardio circolatorie: chi è più a rischio?

    In occasione del mese della prevenzione cardiovascolare, abbiamo fatto qualche domanda al dott. Franco Pambianco, cardiologo presso Centro Medico Ponticello.
    Il dott. Pambianco opera da quasi 40 anni nel campo della diagnosi e della cura delle patologie cardiovascolari e il suo punto di vista rappresenta una vera e propria fotografia panoramica della casistica di questi disturbi sul territorio.

    Melanoma
    Ponticello Informa

    Il melanoma cutaneo: come identificarlo e come fare prevenzione

    Il melanoma cutaneo è un tumore che deriva dalla trasformazione tumorale dei melanociti, alcune delle cellule che formano la pelle. La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo ed è formata da tre strati: l’epidermide, il derma e il tessuto sottocutaneo o grasso. I melanociti fanno parte, insieme ai cheratinociti, dell’epidermide e hanno il compito di produrre melanina, un pigmento che protegge dagli effetti dannosi dei raggi solari. In condizioni normali i melanociti possono dar luogo ad agglomerati scuri visibili sulla superficie della pelle e noti come nei (nevi è il termine medico).