centro-medico-ponticello-diagnostica-massa-logo
Centro Medico

Visite specialistiche
segreteria@centromedicoponticello.it
0585 41847 (selezione 2)
LUN-VEN: 9-19

Centro Medico

Diagnostica
segreteria@diagnosticamassa.it
0585 41847 (selezione 1)
LUN-VEN: 8:30-19 | SAB: 8:30-13

Centro Medico

Clinica Oculistica
segreteria@ponticelloeyeclinic.it
0585 41847 (selezione 3)
LUN-VEN: 9-19

Reumatologia

centro-medico-ponticello-reumatologia

La reumatologia è la branca della medicina che si occupa delle malattie reumatiche, patologie caratterizzate dall’infiammazione di articolazioni, muscoli, ossa e, a volte, altri organi interni (reni, polmoni, vasi sanguigni e cervello).

Il reumatologo si occupa quindi di diagnosticare, trattare e gestire dal punto di vista medico i pazienti affetti da malattie reumatichecome ad esempio l’artrite o l’osteoporosi. Il suo obiettivo è assicurare al paziente la migliore qualità di vita possibile non solo prescrivendo farmaci, trattamenti o altre visite specialistiche, ma anche indicando all’interessato e ai suoi familiari il modo migliore per convivere con disturbi di tipo cronico.

Quali sono le patologie trattate dal reumatologo?

Le malattie più spesso trattate dal reumatologo sono:

  • i reumatismi infiammatori, come i reumatismi articolari acuti e l’artrite reumatoide
  • le connettiviti, ad esempio il lupus eritematoso sistemico, la sindrome di Sjögren, la polimiosite, la dermatomiosite, la sclerodermia e le vasculiti
  • le artriti causate da agenti infettivi, come la malattia di Lyme
  • le artropatie da alterazioni metaboliche, come la gotta
  • le spondiloartropatie
  • malattie degenerative come l’artrosi
  • reumatismi extrarticolari, ad esempio fibromialgia, borsite e periartrite
  • le malattie delle ossa, ad esempio l’osteoporosi, l’osteomalacia e il morbo di Paget
  • il morbo di Raynaud
  • i sintomi reumatici associati ad altre patologie
  • le sindromi paraneoplastiche e alcune neoplasie

Quali sono le procedure più utilizzate dal reumatologo?

Il reumatologo può utilizzare molte procedure diverse per diagnosticare e trattare i reumatismi. Fra le più utilizzate sono inclusi:

  • esami del sangue
  • esami delle urine
  • esami del liquido sinoviale
  • radiografia
  • ecografia articolare
  • TAC
  • RM
  • artroscopia
  • capillaroscopia

Può prescrivere farmaci e consigliare il riposo, un’attività fisica adeguata, un’alimentazione bilanciata, metodi per ridurre lo stress, l’uso di una protezione solare adeguata e, se necessario, un intervento chirurgico.

Quando fissare una visita reumatologica?

Individuando una malattia reumatica per tempo è possibile ridurre al minimo le sue complicazioni a lungo termine. Per questo è importante fissare una visita reumatologica in caso di:

  • gonfiore alle articolazioni;
  • debolezza;
  • mal di testa (magari con problemi alla vista) o febbre associati a ves elevata;
  • dita bianche o blu, soprattutto se associate ad ulcere;
  • comparsa di gonfiori e tensione alla pelle delle mani e dei piedi;
  • sfoghi cutanei associati a dolore alle articolazioni o febbre;
  • rigidità mattutina o mal di schiena che si aggrava al mattino e diminuisce con l’attività fisica.

Presso Centro Medico Ponticello è possibile svolgere le seguenti prestazioni:

Medici di riferimento

geriatra

DR.SSA PARMA ALICE

Dal blog

otite-esterna-bambino
Ponticello Informa

Otite esterna nel bambino: come trattare i sintomi

L’otalgia o mal d’orecchi è una delle patologie più’ comuni in età pediatrica.
Il bambino accusa dolore all’orecchio specie se poggia un orecchio al cuscino o se si esplora il condotto nel visitarlo con l’otoscopio non c’è secrezione esterna.
La causa più frequente è rappresentata quindi da un’otite esterna, ossia una infiammazione del condotto uditivo esterno.

vulvodinia
Ponticello Informa

Vulvodinia: diagnosi e trattamento

La vulvodinia è un disturbo che affligge circa il 13-15% della popolazione femminile, quindi circa 1 donna su sette ne soffre.
Interessa soprattutto le donne in età fertile, si può presentare generalmente con l’inizio dei primi rapporti sessuali.
Si tratta letteralmente di un dolore che interessa la zona vulvare (genitali esterni), persistente da almeno 3-6 mesi. A volte può interessare solo delle zone particolari della vulva: il vestibolo vaginale (area anatomica molto sensibile, sita tra le labbra interne e l’ingresso del canale vaginale), o l’area clitoridea (clitoridodinia).

alimentazione-in-menopausa
Ponticello Informa

Alimentazione in menopausa: mangia meglio, non meno!

L’alimentazione in menopausa gioca un ruolo chiave per la salute della donna. Dati recenti  mostrano come l’infarto del miocardio e l’ictus colpiscano infatti più spesso il sesso femminile, anche se con un esordio  più tardivo, in genere dopo la menopausa.

Branche correlate

Diagnostica

Per informazioni

    0585 44449

    Email segreteria@centromedicoponticello.it