centro-medico-ponticello-diagnostica-massa-logo
Centro Medico

Visite specialistiche
segreteria@centromedicoponticello.it
0585 41847 (selezione 2)
LUN-VEN: 9-19

Centro Medico

Diagnostica
segreteria@diagnosticamassa.it
0585 41847 (selezione 1)
LUN-VEN: 8:30-19 | SAB: 8:30-13

Centro Medico

Clinica Oculistica
segreteria@ponticelloeyeclinic.it
0585 41847 (selezione 3)
LUN-VEN: 9-19

Le problematiche muscolari e articolari nel calcio: la parola all’esperto

Abbiamo l’onore di intervistare Gianluca Berti, ex calciatore di serie A e oggi dirigente sportivo e preparatore atletico esperto.
Per chi non lo conoscesse, stiamo parlando di un ex portiere che ha vestito, su tutte, le maglie di Fiorentina, Sampdoria, Roma e Palermo e che oggi lavora al fianco dei calciatori professionisti per formarli e prepararli al meglio.

Lo abbiamo incontrato presto questa mattina per discutere con lui le problematiche muscolari e articolari che possono incorrere nel calcio, sia a livello professionistico che dilettantistico.

Cominciamo con il calcio professionistico: quali sono le principali problematiche che i calciatori professionisti possono affrontare?

Innanzitutto grazie per l’invito. Nel calcio professionistico, i calciatori si sottopongono a un carico di lavoro estremamente impegnativo. Di conseguenza, le problematiche muscolari più comuni sono gli strappi muscolari, specialmente a livello degli ischiocrurali e dei muscoli della coscia. Inoltre, il sovraccarico può causare tendiniti a livello di ginocchio e caviglia. Le articolazioni più colpite sono il ginocchio, la caviglia e la spalla, questa ultima a causa delle cadute o dei contrasti fisici.”

Cosa succede invece nel calcio dilettantistico? Come si differenziano le problematiche muscolari e articolari rispetto ai professionisti?

“Nel calcio dilettantistico, le problematiche sono spesso correlate a una preparazione fisica non adeguata e a una mancanza di attenzione al recupero. I calciatori dilettanti possono essere più inclini a lesioni muscolari come strappi e stiramenti a causa della mancanza di un allenamento specifico. Inoltre, la postura e la tecnica di alcuni giocatori potrebbero non essere ottimali, aumentando il rischio di infortuni articolari, in particolare a livello di ginocchio, caviglia e spalla.”

Come possono i calciatori, sia professionisti che dilettanti, prevenire queste problematiche?

“La prevenzione è cruciale per entrambi i gruppi di giocatori. Questi sono alcuni consigli che sento di poter dare per tenere sotto controllo gli infortuni:

Preparazione fisica adeguata: Sottoporsi a un programma di allenamento specifico per il calcio, che includa esercizi di forza, resistenza e agilità, può migliorare la performance e ridurre il rischio di lesioni muscolari.

Riscaldamento: Prima di ogni allenamento o partita, effettuare un riscaldamento completo per preparare i muscoli e le articolazioni agli sforzi dell’attività. Lo stretching dinamico e gli esercizi specifici per il calcio sono particolarmente utili.

Tecnica corretta: Acquisire una tecnica corretta con l’aiuto di un preparatore atletico o un allenatore esperto è essenziale per ridurre il rischio di infortuni. La corretta tecnica di corsa, passaggio e tiro può fare la differenza anche in questo senso, oltre che nella performance.

Riposo e recupero: Assicurarsi di avere abbastanza tempo di recupero tra le sessioni di allenamento e le partite. Il recupero attivo, come lo stretching e il massaggio, può aiutare a ridurre il rischio di sovraccarico.

Utilizzare attrezzature adeguate: Indossare scarpe da calcio ben ammortizzate e protettive può contribuire a ridurre lo stress sulle articolazioni.”

Ottimi consigli! Qual è il ruolo del preparatore atletico nel supportare i calciatori professionisti e dilettanti per affrontare queste problematiche?

“Il preparatore atletico gioca un ruolo fondamentale nell’aiutare i calciatori a massimizzare la loro performance e prevenire infortuni. In collaborazione con gli allenatori, sviluppo infatti programmi di allenamento individualizzati per i giocatori, tenendo conto del loro livello di fitness, del ruolo e delle loro esigenze specifiche. Monitoro attentamente il carico di lavoro e i tempi di recupero per evitare il sovraccarico. Inoltre, fornisco istruzioni sulla corretta tecnica e su come gestire eventuali infortuni o fastidi muscolari e articolari.”

Una domanda importante riguardante la gestione delle lesioni nel calcio. Quali sono gli esami medici e diagnostici principali per i traumi o gli infortuni legati a questo sport? E qual è l’incidenza media di tali lesioni?

“È una domanda fondamentale.
L’incidenza media delle lesioni nel calcio, essa varia in base al livello di gioco e alla posizione del giocatore in campo.
Studi statistici mostrano che le lesioni muscolari, come stiramenti e strappi, sono le più comuni. Le lesioni al ginocchio, tra cui distorsioni del legamento crociato e lesioni del menisco, sono anche piuttosto frequenti.

L’incidenza di lesioni può variare dal 20% al 40% dei giocatori a stagione, con un tasso più elevato tra i giocatori professionisti rispetto a quelli dilettanti.
C’è da dire che la prevenzione rimane sempre il punto chiave, ma nel caso in cui si verifichino lesioni, la giusta diagnosi e un trattamento adeguato possono favorire una pronta ripresa del gioco.”

Per diagnosticare adeguatamente le lesioni legate al calcio, sono spesso necessari esami medici specifici che a livello professionistico vengono eseguiti praticamente di routine, ove possibile. Parliamo di:

Raggi X: Questo è il primo esame diagnostico per identificare eventuali fratture ossee o danni articolari evidenti.

Ecografia: L’ecografia è utile per valutare tendini, legamenti e muscoli. Può essere molto utile per individuare lesioni dei tessuti molli.

Risonanza Magnetica (MRI): La risonanza magnetica è un esame diagnostico avanzato che fornisce immagini dettagliate dei tessuti molli, inclusi muscoli, legamenti e cartilagini. È particolarmente utile per identificare lesioni più sottili e nascoste.

Tomografia Computerizzata (TC): La TC è un altro esame di imaging avanzato che può essere utilizzato per ottenere immagini più dettagliate delle strutture ossee e articolari.

Per quanto riguarda l’incidenza media delle lesioni nel calcio, essa varia in base al livello di gioco e alla posizione del giocatore in campo.
Studi statistici mostrano che le lesioni muscolari, come stiramenti e strappi, sono le più comuni. Le lesioni al ginocchio, tra cui distorsioni del legamento crociato e lesioni del menisco, sono anche piuttosto frequenti.

L’incidenza di lesioni può variare dal 20% al 40% dei giocatori a stagione, con un tasso più elevato tra i giocatori professionisti rispetto a quelli dilettanti.
C’è da dire che la prevenzione rimane sempre il punto chiave, ma nel caso in cui si verifichino lesioni, la giusta diagnosi e un trattamento adeguato possono favorire una pronta ripresa del gioco.”

Ci lasceresti un messaggio conclusivo per i calciatori professionisti e dilettanti riguardo alla gestione di questi aspetti?

“Certamente! Sia che siate calciatori professionisti o dilettanti, la cura del proprio corpo è fondamentale per il successo nel calcio e soprattutto per divertirsi in sicurezza. Prendete il tempo per prepararvi adeguatamente, ascoltate il vostro corpo e non sottovalutate il ruolo del recupero nel processo di allenamento.
Investire nella vostra preparazione fisica e seguire i consigli di un preparatore atletico o di un allenatore esperto vi aiuterà a godervi il calcio in modo sicuro ed efficace.

Ricordate che la vostra salute è la chiave per una carriera duratura in ogni sport. Buona fortuna a tutti i calciatori là fuori!”

Ortopedia e
Ortopedia pediatrica

Condividi:
Facebook
Twitter
LinkedIn
centro-medico-ponticello-diagnostica-massa-logo

Centro Medico Ponticello è il più grande centro specialistico dell’Alta Toscana dedicato alla prevenzione, alla riabilitazione e alla salute di tutta la famiglia. 

>> leggi di più

Il suo Blocco Diagnostico è un istituto di ricerche cliniche e diagnostiche a servizio dei pazienti che ricercano efficienza, professionalità, velocità di servizio.

>> leggi di più

Ponticello Eye Clinic è la nuovissima clinica oculistica dedicata alla salute della vista a 360 gradi.

>> leggi di più

Ultimi articoli
Categorie

Vuoi leggere più articoli come questo?
Iscrivi alla nostra newsletter!

Puoi cancellarti in qualunque momento

    Leggi anche

    spalla-dolorosa
    Ponticello ti cura

    Spalla dolorosa: diagnosi e trattamento

    Da alcuni anni grande interesse stanno suscitando i risultati, in diversi ambiti clinici, di studi che sembrano preannunciare lo sviluppo di una nuova prospettiva terapeutica: la riparazione dei tessuti mediante applicazione, infusione o iniezione intraparenchimale, di alcuni tipi di cellule di derivazione specifica del paziente stesso capaci di promuovere la rigenerazione tissutale.

    patologie-tiroide
    Ponticello Informa

    Le patologie della tiroide: quali sono e come identificare la loro insorgenza

    L’Ipertiroidismo e l’ipotiroidismo rappresentano le più comuni patologie tiroidee: la prima caratterizzata, nella maggior parte dei casi, da un’iperfunzione tiroidea e quindi un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei; la seconda caratterizzata da una ridotta funzione tiroidea e quindi una ridotta produzione di ormoni tiroidei.