Centro Medico

Visite specialistiche
segreteria@centromedicoponticello.it
0585 41847 (selezione 2)
LUN-VEN: 9-19

Centro Medico

Diagnostica
segreteria@diagnosticamassa.it
0585 41847 (selezione 1)
LUN-VEN: 8:30-19 | SAB: 8:30-13

Centro Medico

Clinica Oculistica
segreteria@ponticelloeyeclinic.it
0585 41847 (selezione 3)
LUN-VEN: 9-19

Ortobiologia e medicina rigenerativa

ortobiologia-prof-francesco-biggi

Tabella dei Contenuti

Che cos’ è la medicina bio-rigenerativa?

Da alcuni anni grande interesse stanno suscitando i risultati, in diversi ambiti clinici, di studi che sembrano preannunciare lo sviluppo di una nuova prospettiva terapeutica: la riparazione dei tessuti mediante applicazione, infusione o iniezione intraparenchimale, di alcuni tipi di cellule di derivazione specifica del paziente stesso capaci di promuovere la rigenerazione tissutale.

Parliamo di:

  • cellule staminaliricavate dal midollo emopoietico e dal cordone ombelicale
  • monociti e piastrinericavate dal sangue periferico
  • adipocitiricavati dal grasso sottocutaneo.

Altamente innovativa appare quindi l’ambizione di controllare i processi cellulari, e l’abilità di raccogliere, modificare, amplificare e attivare cellule, rendendole capaci di restaurare strutture e funzioni tissutali.

E’ oggigiorno possibile, con queste metodiche, trattare numerose patologie di cute, sottocute, cartilagine, tendini, muscoli ed osso.

Quali patologie è possibile trattare con l’approccio bio-rigenerativo?

Con l’approccio bio-rigenerativo è infatti possibile trattare con successo una ampia gamma di patologie e relative lesioni tissutali quali:

Artrosi. Può colpire tutte le articolazioni in quanto espressione della degenerazione/usura della cartilagine. E’ fondamentale conoscere lo stadio delle lesioni, solitamente ricavabile dalla radiografia del segmento interessato, in quanto l’efficacia del trattamento utilizzato sarà maggiore in fase precoce di malattia e negli stadi iniziali.

Tendinopatie degenerative. Sofferenza a carico dei tendini dovuta principalmente a stress prolungato (overuse) o all’avanzamento dell’età. Cuffia dei rotatori e CLB della spalla; entesiti del gomito (epicondilite/epitrocleite); entesite dei glutei (trocanterite); tendinosi del ginocchio (tendine quadricipitale e rotuleo); tendinosi della caviglia (achilleo, tibiale posteriore) sono quelle trattate più di frequente con questa tecnica.

Lesioni muscolari. Solitamente post-traumatiche, frequenti nello sportivo, interessano più frequentemente i muscoli della coscia e della gamba. Pur avendo una naturale tendenza a riparare spontaneamente in tempi più o meno lunghi, sebbene producendo una cicatrice fibrosa, possono trarre beneficio da queste metodiche.

Deficit ossei. Sono spesso presenti negli esiti di gravi fratture e nelle mobilizzazioni di artroprotesi. Queste procedure, al contrario delle precedenti, richiedono quasi sempre l’abbinamento di gesti chirurgici (osteotomie, rimozione di mezzi di sintesi, sostituzione di componenti protesiche) che prevedono innesti ossei anche di banca (crioconservati) addizionati con elementi biorigenerativi per favorire la ricostituzione del tessuto mancante.

Lesioni cutanee. Possono dipendere da traumi, interventi chirurgici (ferite che stentano a cicatrizzare), stati dismetabolici (ulcere diabetiche e vascolari). E’ possibile, oggigiorno, gestire queste problematiche con Medicazioni Avanzate, fornendo, eventualmente, anche un ulteriore stimolo biorigenerativo.

prp
Quali sono le tecnologie a disposizione?

Vediamo quindi in dettaglio gli strumenti utilizzabili nel campo della ortobiologia:

  1. Gel Piastrinico (GP) viene prodotto utilizzando le piastrine, le cellule del sangue periferico necessarie al processo coagulativo.
    E’ nota da tempo la loro capacità di produrre Fattori di Crescita (GFs) in grado di indirizzare la formazione di nuove cellule, a partire da elementi indifferenziati, nel tessuto in cui vengono immesse.
    Il prelievo di sangue del paziente entra in un separatore cellulare che divide il plasma (parte liquida) dalle cellule (parte corpuscolata), isolando poi le piastrine dai globuli rossi e bianchi.

     

  2. Concentrato Leuco-Piastrinico (CLP) rappresenta invece una evoluzione perché associa alle piastrine i monociti, cellule della serie bianca cui appartengono elementi di tipo staminale (Staminal Like-Cells) classificati come CD34+.
    Si tratta di importanti progenitori delle strutture ematiche e vascolari, in grado a loro volta di fornire stimoli utili alla creazione di nuove cellule tipiche del tessuto in cui vengono inserite.

     

  3. Lipoaspirato (FDT, Fat Derived Technology) è invece prodotto dalle cellule adipose del paziente.
    Il tessuto adiposo possiede una quota elevata di cellule mesenchimali indifferenziate (MSC) ed è facilmente ottenibile dalle zone in cui il grasso si accumula come ad esempio addome, glutei e cosce.
    Il prelievo viene processato all’interno di un sistema chiuso, quindi sterile, di filtri. Esso è immediatamente iniettabile nelle zone desiderate per favorire la rigenerazione tissutale.
infiltrazione-gel-piastrinico
Conclusioni

Grazie anche alle moderne tecnologie di cui disponiamo per la diagnostica (Risonanza Magnetica, TAC, Ecografia), sono sempre più frequenti le diagnosi di patologie muscolo-scheletriche.

Soprattutto, è possibile evidenziare lesioni prima della rottura vera e propria, e, guardando ad es. all’artrosi, quadri degenerativi che ancora non necessitano di chirurgia protesica.

L’Ortobiologia, che si avvale delle Tecniche Bio Rigenerative, cerca di dare una risposta di tipo conservativo e  biologico, con la speranza (sempre più confermata dalla esperienza clinica e dalla letteratura internazionale) di attivare quei processi di Rigenerazione Cellulare in grado di favorire una riparazione dei tessuti e determinare un significativo miglioramento clinico/sintomatologico nel tempo.

a cura di

Ortopedico presso Centro Medico Ponticello

Ortopedia e
Ortopedia pediatrica

Condividi:
Facebook
Twitter
LinkedIn

Centro Medico Ponticello è il più grande centro specialistico dell’Alta Toscana dedicato alla prevenzione, alla riabilitazione e alla salute di tutta la famiglia. 

>> leggi di più

Il suo Blocco Diagnostico è un istituto di ricerche cliniche e diagnostiche a servizio dei pazienti che ricercano efficienza, professionalità, velocità di servizio.

>> leggi di più

Ponticello Eye Clinic è la nuovissima clinica oculistica dedicata alla salute della vista a 360 gradi.

>> leggi di più

Ultimi articoli
Categorie

Vuoi leggere più articoli come questo?
Iscrivi alla nostra newsletter!

Puoi cancellarti in qualunque momento

    Leggi anche

    Ponticello Informa

    Le problematiche muscolari e articolari nel calcio: la parola all’esperto

    Oggi abbiamo l’onore di intervistare Gianluca Berti, ex calciatore di serie A e preparatore atletico esperto nonché dirigente sportivo. Lo abbiamo incontrato per discutere con lui le problematiche muscolari e articolari che possono incorrere nel calcio nello sportivo sia a livello professionistico che dilettantistico.

    spalla-dolorosa
    Ponticello ti cura

    Spalla dolorosa: diagnosi e trattamento

    Da alcuni anni grande interesse stanno suscitando i risultati, in diversi ambiti clinici, di studi che sembrano preannunciare lo sviluppo di una nuova prospettiva terapeutica: la riparazione dei tessuti mediante applicazione, infusione o iniezione intraparenchimale, di alcuni tipi di cellule di derivazione specifica del paziente stesso capaci di promuovere la rigenerazione tissutale.