Centro Medico

Centro Medico
segreteria@centromedicoponticello.it
0585 41847
LUN-VEN: 9-19

Diagnostica

Diagnostica
segreteria@diagnosticamassa.it
0585 44449
LUN-VEN: 8.30-19 / SAB: 8.30-13

L’elettromiografia: un esame specifico per la conduzione nervosa

Che cos’è l’elettromiografia?

L’elettromiografia (EMG) e l’elettroneurografia (ENG), sono esami diagnostici molto utilizzati nel campo della Neurofisiopatologia. Gli specialisti che ne fanno richiesta sono soprattutto neurologi, neurochirurghi, ortopedici, fisiatri e reumatologi, in quanto serve a verificare il corretto funzionamento di muscoli e nervi di una zona precisa del corpo, mediante lo studio della reazione dei motoneuroni agli stimoli a cui sono sottoposti durante l’esame.

I motoneuroni (o neuroni motori) sono delle cellule che hanno la funzione specifica di trasmettere gli impulsi nervosi dal cervello alle altre parti del corpo, controllando così i muscoli ed i loro movimenti.

Un medico decide di ricorrere all’elettromiografia quando nel paziente esordiscono sintomi come formicolio, intorpidimento, debolezza muscolare, dolori/crampi/spasmi muscolari oppure, nei casi più gravi, paralisi: presso il Centro Medico Ponticello questo esame permette quindi di studiare le strutture neuro-muscolari degli arti superiori e inferiori, della testa, del collo, e del tronco.

Immagine rappresentativa di Elettromiografia

Quando viene prescritta l’elettromiografia?

L’elettromiografia viene utilizzata per la diagnosi delle seguenti patologie:

  • sindromi compressive nervose, come la Sindrome del Tunnel Carpaleo la compressione del nervo ulnare al gomito o a polso per gli arti superiori, la compressione del nervo peroneo comune o la Sindrome del Tunnel Tarsale per gli arti inferiori;
  • tutte le forme di lombosciatalgiacervicobrachialgia su base artrosica, discale e post-traumatica (come il celebre “colpo di frusta”) in cui può verificarsi una lesione delle radici nervose alla loro emergenza dalla colonna vertebrale;
  • neuropatie periferiche, come quelle causate dal diabete, dalla esposizione a sostanze tossiche(agenti chimici, solventi, vernici etc.) o medicamentose (chemioterapici), dall’alcolismo, dall’insufficienza renale, da alterata autoimmunità, da agenti infettivi (Epatite C, virus, HIV) ed infine nelle forme ereditarie;
  • lesioni traumatiche dei tronchi nervosi(lesioni del plesso brachiale, lesioni da ferite lacero-contuse, da lussazioni articolari, da fratture ossee);
  • malattie muscolari (miopatie) ereditarie o acquisite; patologie della giunzione neuromuscolare (miastenia);
  • malattie neurodegenerative del Sistema Nervosocome la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA);
  • disfunzioni uro-genitali(incontinenza o ritenzione urinaria e rettale, disturbi erettili, dolore pelvico cronico).
Immagine rappresentativa di Elettromiografia

Come si svolge l’elettromiografia?

L’esame elettromiografico dura in media dai 20 ai 30 minuti e può coinvolgere uno o più segmenti corporei a seconda dell’indagine che si vuole eseguire. Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino e vengono applicati, sulla zona di interesse, due diversi tipi di elettrodi in momenti diversi del test.
L’esame, infatti, si articola in due parti distinte:

  1. Elettroneurografia: è un test, non invasivo, che attraverso degli stimoli elettricisomministrati lungo il decorso dei nervi e la registrazione delle risposte evocate con elettrodi posti sulla cute del paziente, permette di studiare la corretta funzionalità delle fibre nervose motorie e sensitive;
  2. Elettromiografiapropriamente detta: attraverso l’uso di elettrodi ad ago monouso, permette di registrare l’attività elettrica generata nel muscolo, sia in condizioni di riposo che durante la contrazione volontaria.

Come prepararsi all’elettromiografia?

Per questo test diagnostico non è necessaria alcuna preparazione e l’esame è privo di effetti collaterali, ad eccezione di una temporanea e transitoria sensazione di fastidio allo stimolo elettrico e all’uso dell’ago-elettrodo.
I portatori di defibrillatore sottocutaneo necessitano di una valutazione preliminare prima di sottoposti a tale indagine.

a cura di

Dr. Massimo Angelotti

Neurologo presso Centro Medico Ponticello

Condividi:
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Centro Medico Ponticello è il più grande centro specialistico dell’Alta Toscana dedicato alla prevenzione, alla riabilitazione e alla salute di tutta la famiglia. 

>> leggi di più

Logo Diagnostica Massa@3x

Diagnostica Massa è un istituto di ricerche cliniche e diagnostiche a servizio dei pazienti che ricercano efficienza, professionalità, velocità di servizio.

>> leggi di più

Ultimi articoli
Categorie

Vuoi leggere più articoli come questo?
Iscrivi alla nostra newsletter!

Puoi cancellarti in qualunque momento

Leggi anche

Ponticello Informa

Menopausa e Sistema Nervoso Centrale: come fare prevenzione

Il Sistema Nervoso Centrale (SNC) è anch’esso influenzato dalla condizione menopausale e inizia a manifestare in premenopausa (il periodo che precede la menopausa, ovvero spesso attorno ai 45 anni) i primi sintomi legati intimamente all’oscillazione dei livelli ormonali tipica di questa fase della vita di ogni donna.

movember mese prevenzione uomo
Ponticello Informa

Il mese della prevenzione maschile: teniamo sotto controllo prostata e apparato urinario

Le patologie dell’apparato urinario sono molto frequenti sia nell’uomo che nella donna.
La diagnosi delle patologie maligne dell’apparato urinario, negli ultimi anni, è notevolmente aumentata grazie alla prevenzione che permette di diagnosticare tumori allo stadio iniziale o asintomatici ma anche perché vi è stato un aumento significativo dell’incidenza correlato a svariati fattori quali lo stile di vita, fattori ambientali, ormonali e alla dieta.